var _iub = _iub || {}; _iub.cons_instructions = _iub.cons_instructions || []; _iub.cons_instructions.push(["init", {api_key: "QLmdduIqe1Dwsbtue8Gt6WLL8DXNBsbI"}]);

il primo magazine sulla sostenibilità applicata

CARBON NEUTRAL HOME

Dal 2016 in Inghilterra tutte le nuove costruzioni saranno a zero emissioni di CO2.

Nel 2006 il Governo Inglese ha annunciato un sistema di rating per le case, Code for Sustainable Homes,  in cui il livello 1 aveva dei parametri leggermente più efficienti rispetto a quelli dettati dai Regolamenti Edilizi, mentre il livello 6 prevedeva addirittura case 'carbon neutral'.

L'obiettivo era quello di migliorare gradualmente i Regolamenti Edilizi in modo che, entro il 2016, tutte le nuove case fossero di livello 6. Tuttavia, nel bilancio effettuato a marzo 2011, il nuovo governo ha dovuto declassare la definizione di 'carbon neutral' in modo che entro il 2016 il livello da raggiungere fosse solo il 5.

In occasione di questi nuovi regolamenti  nel 2007 si è tenuta una sorta di gara con progettisti e imprese per presentare i primi modelli di case totalmente carbon-free.  

A vincere è stata la Lighthouse, progettata da Sheppard Robson in collaborazione con Arup e Kingspan Off-Site, l’unica a soddisfare quei severi requisiti e a raggiungere l’apparentemente lontano livello 6.


Come ha potuto il prototipo Light House a raggiungere questo obiettivo?

 

Per cominciare, la casa è stata progettata pensando alla sostenibilità , con un obiettivo chiaro, che ha portato il team di progettazione a realizzare un edificio integrato con nuove tecnologie e nuovi materiali ad alta efficienza energetica.  

-          La struttura è altamente coibentata con pannelli in legno portanti(SIPS);

-          Il tetto spiovente, con una pendenza di  circa 40°, ospita l'impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica;

-          Sono state impiegate tecniche di efficienza idrica, come ad esempio rubinetti acqua-efficienti e recupero delle acque per i servizi igienici.

-          Una caldaia a biomassa e un impianto di ventilazione meccanica con recupero di calore (MVHR)

Ma l'obiettivo di realizzare una casa a emissioni zero non è stato realizzato solo utilizzando queste tecnologie, bensì concetti di design semplici, come:

-          La progettazione di un collettore del vento che funga anche da solar tube, che fornisce la ventilazione e la luce per la casa in modo naturale

-          L'ombreggiamento delle finestre per balconi a sud e le persiane posizionate correttamente permettono di ridurre il guadagno di calore estivo e migliorare la prestazione dell'edificio

-          La casa è stata dotata di contatori intelligenti e di sistemi di monitoraggio, che consentiranno agli inquilini di controllare l'utilizzo delle risorse in casa, e regolare i propri consumi.

 

Possiamo dire che la strada, grazie sia alla LightHouse sia alle ultime tecnologie e innovazioni sostenibili, è stata tracciata, ma il 2016 si avvicina, chissà a che punto si è arrivati.



{source}
<object classid="clsid:d27cdb6e-ae6d-11cf-96b8-444553540000" codebase="http://download.macromedia.com/pub/shockwave/cabs/flash/swflash.cab#version=9,0,115,0" width="430" height="350"><param name="movie" value="http://www.ultimatehouse.tv/flv/cinemaplayer.swf"/><param name="allowFullScreen" value="true"/><param name="allowScriptAccess" value="sameDomain" /><param name="bgcolor" value="#000000"/><param name="wmode" value="transparent" /><param name="flashvars" value="iconsize=32&external=true&content=http://www.i2i.tv/media/uhtv/LightHouse.flv"/><embed src="http://www.ultimatehouse.tv/flv/cinemaplayer.swf" type="application/x-shockwave-flash" width="430" height="350" bgcolor="#000000" allowFullScreen="true" allowScriptAccess="sameDomain" wmode="transparent" flashvars="iconsize=32&external=true&content=http://www.i2i.tv/media/uhtv/LightHouse.flv"> </embed></object>
{/source}

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli