var _iub = _iub || {}; _iub.cons_instructions = _iub.cons_instructions || []; _iub.cons_instructions.push(["init", {api_key: "QLmdduIqe1Dwsbtue8Gt6WLL8DXNBsbI"}]);

il primo magazine sulla sostenibilità applicata

UNA CASA NEL BOSCO
Residence Carling, situata nella splendida regione di Muskoka in Canada, è la residenza privata di una giovane coppia attenta alla sostenibilità e in cerca di una vita lontana dal caos cittadino.

Sulle rive del Georgian Bay e all’interno di una folta foresta, la casa è stata voluta dai proprietari moderna e sostenibile, nel rispetto dei 26 acri di lotto su cui sorge.

Lo studio TACT , incaricato dai clienti, ha realizzato per loro un design sobrio ed elegante, riservando particolare cura alla valorizzazione delle caratteristiche naturali del paesaggio preservando la topografia naturale del sito.

La casa è adagiata in una radura tra due creste ad est ed ovest, tra gli alti alberi che la proteggono e allo stesso tempo regalano una vista spettacolare della foresta.

Da nord, dove è situato l’ingresso, la casa si presenta con minime aperture  e una facciata piena e sobria mentre sul lato sud la facciata è caratterizzata da grandi vetrate che catturano l’attenzione una volta entrati. La foresta è la vera protagonista della casa, che attraverso le grandi superfici vetrate penetra all’interno andando a costituire la vera decorazione dello spazio. A sottolineare questo concetto concorrono gli interni minimalisti esaltare la bellezza del paesaggio e lo rendono parte integrante del progetto.

Soluzioni progettuali e impiantistiche permettono poi di ridurre al minimo l’impatto ambientale della casa e di massimizzare il comfort interno. Le grandi finestre esposte a sud, ad esempio,  sono schermate con grandi graticci di legno che fungono da frangisole e che, ottimizzando la vista e l’illuminazione diurna, riducono al minimo il guadagno solare estivo.

L’involucro esterno è stato pensato separato dalle pareti interne ed anche il tetto è stato isolato con una schiuma coibente. Il sistema di riscaldamento radiante a pavimento è integrato con un impianto di ventilazione a recupero di calore, in modo da assicurare i ricambi d’aria interni senza compromettere la temperatura.

Il pavimento in calcestruzzo è stato pensato e studiato in modo da accumulare calore in inverno e rilasciarlo durante le ore serali; mentre in estate non essendo mai colpito dal sole diretto contribuisce a mantenere bassa la temperatura interna della casa. Questo insieme al sistema di ventilazione naturale funziona talmente bene che la casa non ha bisogno di alcun tipo di condizionamento d’aria per il raffrescamento.

Anche se è una nuova costruzione, dato l’uso disciplinato dei materiali e la loro attenta selezione, possiamo dire che si integra talmente nel contesto da sembrare creata insieme al luogo in cui risiede. 
0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli