il primo magazine sulla sostenibilità applicata

PER NON DIMENTICARE
La sostenibilità di uno spazio chiuso passa non solo dalle tecniche costruttive ma soprattutto dallo spirito che anima il suo contenuto: il nuovo Memorial Museum delle Twin Towers, a New York
E' una architettura che rappresenterà per sempre uno degli spazi pubblici più significativi del pianeta: il Memorial della tragedia delle Twin Towers a New York.

Nello spazio dove sono crollate le torri ora c'è il nuovo World Trade Center. Ma non nello stesso punto in cui erano le torri: tutto intorno ma non lì.
Al posto delle torri vi sono due fontane, e subito accanto sorge il museo alla memoria, un luogo dove entrare e immergersi, inghiottiti dal terreno fino alle fondamenta delle torri, unica cosa rimasta intatta e visibile, in tutto il loro imponente spazio e assordante silenzio, per vivere da vicino, condividere, se possibile capire.

Lo spirito di sostenibilità che anima il progetto è questo: uno spirito di condivisione e di esperienza sensoriale, tattile, e visiva molto forte. Talmente forte che è stata prevista dai progettisti una suite dedicata ai familiari delle vittime, per potersi appartare, nascondere, o solo raccogliere, se la presenza in quel luogo dovesse riportare il dolore in superficie in maniera insopportabile.

Il progetto è tutto pensato per accompagnare con grande equilibrio la visita, e i sentimenti che ne scaturiscono, in modo graduale e crescente. L'architettura sostenibile è anche questo: rendere sostenibile attraverso l'architettura una esperienza che rischia di rivelarsi troppo forte se non guidata da ciò che si ha intorno.

L'atrio del Memorial Hall si presenta come una grande gabbia di vetro inondata di luce naturale, in cui campeggiano due monconi delle colonne in acciaio delle Twin Towers: due rami arrugginiti che dialogano con gli alberi subito fuori della Memorial Plaza, e che segnano l'inizio di una discesa nel ventre del museo, indicando però il cielo, il ritorno, la forza, la resistenza, la speranza.
 
0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli