il primo magazine sulla sostenibilità applicata

UN VILLAGGIO PARTICOLARE NEL CENTRO DI PARIGI
Parigi: Villas des Vignoles è il felice risultato di uno studio di densificazione di un isolato tipico della periferia est di Parigi.

Nel pieno di una metropoli come Parigi non verrebbe mai di immaginare l’esistenza di un villaggio del tutto contemporaneo e al tempo stesso di altri tempi. Un villaggio in cui tutto è a misura d’uomo, ma nel pieno della disponibilità di tutte le caratteristiche logistiche e tecnologiche di una città di oggi.
La prima idea del progettista Edouard François nel 2009 stata quella di rispettare l'ambiente e la sua storia, con gli edifici alcuni bassi e altri alti, pre-esistenze piene di vita e prive di pretese.

I vicoli stretti e lunghi, residuo della storia agricola della zona, dovevano interrompere l'allineamento della strada e spazialmente definire la trama del tessuto urbano, mentre corridoi verdi avrebbero accompagnato lo sguardo verso il luminoso centro dell'isolato.

Il programma progettuale si è chiarito in poco tempo: bisognava realizzare circa 100 nuovi appartamenti sociali e laboratori per artisti, più alcune sale per la comunità e un piccolo ristorante rinnovato evitando di costruire seguendo direttamente gli allineamenti stradali, ma mantenendo invece i diversi allineamenti del quartiere, sfruttando i vicoli come connessioni a servizio dell'intero complesso.

Ha preso quindi forma un edificio lungo e basso nel cuore dell'isolato, densamente ricoperto di verde e piante con intorno piccole case decorate con materiali tipici del quartiere: legno grezzo, tegole e scandole metalliche, zinco e cemento grezzo. Queste strade rientranti con edifici di altezze diverse e vuoti avrebbero invitato a scoprire l'interno dell'isolato abitativo.

La seconda idea che ha guidato il disegno dell'intera pianta dell'edificio centrale era quella degli accessi. All'interno dell'isolato non esiste infatti un corridoio di ingresso principale, ma piuttosto tanti singoli ingressi che si aprono direttamente all'esterno, come espressione di individualità diffusa.

All'esterno invece sono state create numerose scale rettilinee, che caratterizzano le facciate verdi servendo due abitazioni su ogni livello. Ogni appartamento realizzato nel complesso dispone inoltre di doppio affaccio.

La terza idea di progetto è stata infine quella di permettere alla natura di abitare nei recessi di questa composizione "villaggio-like". Non è stato concepito come un giardino progettato, ma piuttosto come un paesaggio abbandonato colonizzato da piante, sparse in ognuno dei numerosi angoli e anfratti esistenti.

Per fare questo, il terreno originale della bonifica è stato sostituito con un terreno organico certificato in modo che ogni singolo seme portato dal vento, posandosi su questa terra eccezionale, potesse facilmente prosperare.

Sei anni dopo che l'edificio è stato completato infatti, su un terreno vuoto destinato a semina, si potevano trovare alberi e piante alti più di due metri. Solo i glicini che invadono la struttura delle scale di legno sono stati intenzionalmente piantati e anch'essi dallo essere alti pochi centimetri, si alzano oggi più di sei metri. L'operazione è stata chiamata Eden Bio e che vista la fertilità e la rigogliosità del nuovo sito dopo sei anni, si può dire che il nome sia stato decisamente azzeccato.

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli