il primo magazine sulla sostenibilità applicata

ACQUA VERTICALE
Stoccolma: Il mare attorno allo Stockholm Waterfront sembra alzarsi e avvolgere uno dei più importanti centri congressi sostenibili del Nord Europa.

Non si può non notarlo, visto che caratterizza tutta la parte di città che lo ospita. La struttura nel suo complesso comprende una sala congressi con alloggi per 3000 delegati (e un salone per banchetti per ospitare 2000 ospiti), un albergo a quattro stelle con 414 camere, metà delle quali hanno una vista incantevole sulla baia e sul Municipio di Stoccolma, e un complesso di uffici con vista panoramica sull'acqua e sulla città.
Una sfida far stare tutte queste funzioni su un lotto triangolare stretto tra edifici esistenti e il mare, creando un volume di 20.000 mq con possibilità quasi illimitata di flessibilità.

Gli architetti dello studio svedese White Arkitekter sono riusciti a dedicare a ogni funzione richiesta un edificio che avesse un senso compiuto e che dialogasse con gli altri in grande armonia, come a costruire un puzzle volumetrico di grande effetto.
Dal punto di vista della sostenibilità, il centro congressi si presenta come un esempio completo di Green Building, e ne ha ottenuto anche la certificazione ufficiale.

L'aspetto esterno del centro congressi è la parte che suscita l’interesse, con la sua sezione superiore configurata in liberi contorni sinuosi che si inseriscono in maniera decisa ma elegante negli andamenti lineari di tutti i contorni circostanti.
La pelle del guscio esterno è costituita da 3500 profili in acciaio inox e montata a una distanza dalla parete che crea una camera d’aria attorno alla facciata, con un'importante funzione termica volta al contenimento e al tempo stesso all’accumulo termico a seconda della inclinazione del soleggiamento. La stessa pelle ha la funzione di controllo dell’illuminazione che nel nord Europa è molto forte.

Le altre facciate in vetro agiscono come enormi collettori solari, mentre la capacità di raffreddamento è garantita da sistemi di distribuzione a soffitto e a parete del fresco proveniente dall'acqua del vicino lago e dalle 250 tonnellate di ghiaccio sotterraneo.
Nel totale, l’intero complesso, grazie alla messa a sistema di tutte queste conoscenze e tecnologie bioclimatiche, costituisce a oggi uno dei complessi direzionali a minore consumo e minore impatto ambientale in Europa.

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli