il primo magazine sulla sostenibilità applicata

DALI' ALL'ETERNITA'

Florida: Una architettura sostenibile a prova di uragano  costruisce uno scrigno per un genio immortale. Il Salvador Dalì Museum conserva le opere del grande artista catalano e le protegge dagli agenti esterni. Senza dimenticare il risparmio energetico.

Sul lungomare di St. Petersburg, in Florida si staglia il Salvador Dalì Museum, Il museo venne fondato da Reynolds Morse, il maggior collezionista di Dalì, nel 1982; nel 2011 lo studio HOK Florida (su disegni di Yann Weymouth) ha raddoppiato la superficie originaria portandola a 6.317 metri quadri su tre livelli, atti a ospitare l'eccezionale collezione permanente di 2140 pezzi dell'artista catalano, tra opere pittoriche, acquerelli, disegni e sculture.

Il progetto di architettura sostenibile è stato sviluppato ispirandosi all'arte surrealista di Dalì e mettendo allo stesso tempo la collezione al riparo dagli uragani che colpiscono spesso la zona. Questa la sfida. Il risultato è un edificio alto più di 18 metri, ad angolo retto in cemento armato in grado di proteggere le opere che contiene dagli uragani di categoria 5 e dai venti a 165 km/h che possono flagellare la zona. Lo spessore del tetto è infatti di 30 cm e le murature di 45 cm. La collezione è conservata infatti al terzo livello, al di sopra del piano di inondazione, ed è quindi al riparo da onde fino ai 9 metri di altezza.

Affiancato a questa sorta di fortezza di cemento, sorge un corpo fluido, denominato Enigma (come un quadro di Dalì del 1929), composto da 1.062 pannelli triangolari in vetro di 4 cm di spessore, stratificato e isolato, progettati per resistere a venti di 135 km/h e all'impatto di un uragano di categoria 3.

Per la prima volta negli Stati Uniti viene utilizzata la geometria geodetica free-form, progettata con il sistema di modellazione apposito per le forme tridimensionali in vetro. Questa particolare geometria geodetica prende spunto da Buckminster Fuller, pioniere del settore, di cui Dalì fu amico e ammiratore.

La collezione è conservata al terzo piano: nelle gallerie, sette condotti in gesso portano la luce e guidano gli occhi sulle inestimabili opere di Dalì mentre gli spazi espositivi sono collegati tramite una “galleria scultorea”, al centro del lucernario ovoidale, offrendo ampi e bellissimi panorami di Tampa Bay.

Il risparmio energetico è garantito dall'utilizzo di strategie sostenibili. Per prima cosa l'edificio è orientato in modo da ridurre il carico solare e sul tetto sono installati collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria e per la deumidificazione del sistema di condizionamento. Inoltre, sono in funzione sistemi per l'autospegnimento delle luci quando gli ambienti non sono utilizzati. L'edificio è ben isolato e, grazie alla massa termica di calcestruzzo, dissipa il calore per ridurre le escursioni termiche.
A dimostrazione del fatto che in un complesso progetto architettonico “d’arte” è possibile garantire la forma corretta e al tempo stesso la corretta funzionalità. Da vedere.

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli