il primo magazine sulla sostenibilità applicata

MICRO GREEN CHIP

Per combattere l’inquinamento è stato creato un microchip che riduce al minimo l’impatto della tecnologia sull’ambiente: un progetto completamente biodegradabile.

Alcuni studiosi della University of Wisconsin-Madison hanno condotto una ricerca per risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti elettronici.

In una società come la nostra, dove la ricerca dell’ultimo modello di cellulare, di tablet o di computer è così frenetica, l’aumento insostenibile di rifiuti elettronici è arrivato ad una soglia critica.

Il risultato della ricerca condotta, ha portato alla creazione di un chip organico, composto principalmente da legno. Zhenqiang “Jack” Ma, uno dei fautori della ricerca, spiega che il chip biodegradabile ridurrà l’impatto ambientale dell’elettronica di consumo: “La maggior parte del materiale utilizzato per realizzare un chip funge solo da supporto. Il resto occupa solo un paio di micrometri. I nostri chip sono così sicuri da poter essere lasciati in un bosco a degradarsi insieme ai funghi, come se fossero fertilizzanti naturali”.

Il chip in particolare è costituito da uno strato di nanofibrille di cellulosa che sostituisce il substrato inorganico dei microprocessori dei computer. Si tratta quindi di un materiale in legno, totalmente biodegradabile e flessibile per cui molto adatto a diversi tipi di superfici.

Dal momento che tutti i polimeri testati avevano un coefficiente di espansione termica troppo alto, i ricercatori hanno scelto il CNF (nanofibrille di cellulosa). Inoltre per proteggere le nanofibrille dall’umidità e per garantire una superficie ben levigata, hanno utilizzato un rivestimento epossidico.

L’aspetto decisamente più vantaggioso consiste nel fatto che le nanofibrille di cellulosa sono facilmente reperibili ed hanno costi molto più contenuti rispetto ai semiconduttori inorganici. Quindi, grazie ai microprocessori in cellulosa sarà possibile ridurre l’impatto ambientale dei dispositivi elettronici e tagliare i costi di produzione.

Photo credit: cdn3.www.greenstyle.it/wp-content/uploads/2015/05/150526123835_1_900x600.jpg

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli