il primo magazine sulla sostenibilità applicata

IERI, OGGI O DOMANI? SALONE 2013
“Il mondo che abiteremo” così è stata presentata la 52a edizione del Salone Internazionale del Mobile di Milano, che quest’anno dal 9 al 14 aprile, ospiterà le biennali Euroluce e Salone Ufficio.

La consueta miscela di design, architetti, media e imprese quest’anno tenta di essere propositiva “per l’oggi e per l’immediato futuro” questo ha sottolineato il nuovo presidente di Cosmit Claudio Luti, e su queste considerazioni si baserà anche l’architettura “concept” di Jean Nouvel, che, da domani, proporrà diversi scenari per sviluppare una visione degli spazi di lavoro, non più totalitari e austeri, ma vivi, esperibili,  e aperti. L’architetto francese è stato infatti chiamato a caratterizzare i padiglioni del Salone Ufficio con un progetto espositivo all’insegna dei nuovi materiali e delle nuove tecnologie per realizzare soluzioni confortevoli ed efficienti, nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente.

Anche l’innovativo Salone Satellite quest’anno sarà all’insegna della buona progettazione e dell’ecologia, presentando l’unione di due realtà, quella artigianale e quella industriale, che oggi tanto caratterizzano i processi ideativi e produttivi di arredi e complementi.

Verranno allestite una falegnameria, una vetreria, una fonderia e una bottega digitale, per svelare tutti i segreti del “know-how” artigianale, della realizzazione di oggetti alla maniera tradizionale,  che oggi torna nel gusto di molti fino a  trasformare l’industria, che per tanto tempo ne ha rubato il primato. Il tema sarà ‘Design e artigianato: insieme per l’industria’ nel tentativo di rispondere al bisogno di integrare la tradizione con le moderne possibilità offerte dalla progettazione e della produzione industriale.

All’interno degli spazi delle tre botteghe – del legno, del vetro, del metallo – è previsto che alcuni maestri artigiani facciano delle vere e proprie dimostrazioni di lavorazione dei vari materiali con le tecniche tradizionali mentre,  la “bottega digitale”, in totale controtendenza, permetterà di vedere come il mondo del design, sempre in trasformazione, possa oggi avvalersi di fabbricazione digitale e stampa 3D che saranno a breve realtà consolidate.

Sulla stessa scia è stato organizzato anche l’evento I Wood Like, che coinvolgerà giovani progettisti, artigiani e un noto studio di design  per raccontare il processo di trasformazione del legno, dalla materia grezza sino ad arrivare al prodotto finito, dalla progettazione alla produzione.

La fusione tra lavoro manuale e le più avanzate tecnologie delle macchine per la lavorazione del legno metteranno  in scena un vero e proprio spettacolo. Un evento-manifesto per FederLegno ma anche una proposta per ripartire, dalla formazione e dalla professionalità, e in gran parte dalla sapienza antica.

Da questi primi input sembra che l’intenzione sia quella di voler fare il punto sulla situazione produttiva attuale e di trovare un nuovo slancio per il domani,  speriamo solo, al contrario dello scorso anno,  di non rimanere delusi  nello scoprire che la situazione di oggi sia la stessa di ieri e che il domani tardi ancora ad arrivare.

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli