Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

GRAZIE AL GRAFENE, SCOPERTO PER CASO IL VETRO PIU’ SOTTILE DEL MONDO

Categoria // Ricerca di base e Finanziamenti, Grafene

Individuato fortuitamente su uno strato di grafene dai ricercatori della Cornell University e dai colleghi dell'Università tedesca di Ulm, il foglio di vetro "da guinness" ha uno spessore di soli due atomi.

Megliopossibile - Grazie al grafene, scoperto per caso il vetro più sottile del mondo. Foto: Kavli Institute at Cornell for Nanoscale Science
Megliopossibile - Grazie al grafene, scoperto per caso il vetro più sottile del mondo. Foto: Kavli Institute at Cornell for Nanoscale Science
Alcune importanti scoperte sono frutto del caso. Recentemente è capitato ai ricercatori della Cornell University che, insieme ai colleghi dell'Università tedesca di Ulm, hanno individuato fortuitamente il foglio di vetro più sottile del mondo (spesso solo due atomi).

In che modo? Osservando al microscopio elettronico un'imperfezione presente sul grafene puro che stavano realizzando in laboratorio. Quella che sembrava una semplice "sporcizia", si è rivelata invece una struttura composta da silicio e ossigeno, gli elementi che costituiscono il comune vetro.

Il team ha ritenuto probabile che il foglio di vetro supersottile si sia formato in seguito a una fuga d'aria che avrebbe fatto reagire le lamine di rame utilizzate come substrato per far crescere il gafene e il quarzo del forno utilizzato nel processo di produzione (anch'esso costituito da silicio e ossigeno).

Oltre all'importanza della novità, ha sottolineato David A. Muller, docente alla Cornell University, questa scoperta ha consentito di trovare risposte a molti quesiti sulla struttura fondamentale del vetro che da oltre ottant'anni restavano insoluti. I ricercatori sono infatti riusciti a fotografare per la prima volta nella storia la disposizione degli atomi del vetro, scoprendo tra l'altro che l'immagine ottenuta assomiglia sorprendentemente a una rappresentazione teorica disegnata nel 1932 dal fisico norvegese William Houlder Zachariasen.

Svariate le possibili applicazioni di questo innovativo prodotto che potrebbe un giorno migliorare le prestazioni dei processori nei computrer e negli smartpohone. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nano Letters (per leggere l'abstract, clicca qui) e, ora, entrerà ufficialmente nell'edizione 2014 del Guinness dei primati.
La Redazione

Pubblicato:

Martedì, 08 Ottobre 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus